Poesia di Giuseppe Vita - Cupiamu t'lu Giapponi

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita  
Cupiamu t'lu Giapponi

Certu è ca la puisia si va perdennu

speci 'n Itaglia ddo' si scrivi tuttu:

francesi, 'nglesi, lengui atri ticennu

e lu tialettu si pò ddi' tistruttu.

 

E mmuni l'haiku sciamu nu' scrivennu

ca ti li giappunisi èti lu fruttu.

Lu terrorishta puru va fecennu

lu Kamikaze, ma 'nt'nu motu bruttu.

 

E tutti mu' cupiamu t'lu Giapponi

cu ni sintimu t'essiri püèti,

però scrivimu senza cunvinzioni.

 

So' cchiù cuiddi ca sannu cce cos'èti

l'haiku e ùsunu 'nu saccu ti 'ttinzioni,

ma allu sunettu cchiù nisciunu creti.

Traduzione
Copiamo dal Giappone

È certo che la poesia va perdendosi

specie in Italia dove si scrive tutto:

francese, inglese, altre lingue dicendo

ed il dialetto può dirsi distrutto.

 

Ed ora noi andiamo scrivendo l'haiku

che dei giapponesi è il frutto.

Il terrorista anche va facendo

il Kamikaze, ma in un modo brutto.

 

E tutti ora copiamo dal Giappone

per sentirci d'essere poeti,

però scriviamo senza convinzione.

 

Son più quelli che sanno cos'è

l'haiku e usano un sacco d'attenzione,

ma al sonetto non crede più nessuno.

San Vito 09/03/2017

Sonetto classico in vernacolo sanvitese (alto salentino) con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.