Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 



Poeti Emergenti
Poesia in romano
di Lo Curto Giovanni


La riconoscenza nun è de certi ommini



Stò ventiquattro de dicembre cari li mii vecchi

Ve semio venuti a salutà anche si piove a secchi.-

-fiji , armeno per un po’ ce lasceranno in pace

nun penzate che qui drento è tutto carmo e tace.-



-a Mà, Papà, ner condominio che v’avemio scerto,

ce doverebbe esse silenzio e quiete, ne sò certo

perché da che monno è monno così tutti fanno,

a Pasqua, er due novembre e puro a Capodanno.-



Cari fiji, da quarche tempo, che ve dovessimo da dì,

Qui è tutta ‘na processione de anime de giudii

Che da noi vonno sapè, cascasse pure er monno,

Er condominio der Papa Pio decimo seconno.



Ma, solo p’aringrazziallo, lo vonno annare a trova,

stò sentimento è più de cinquant’anni che je cova.

Loro sanno che durante l’Itleriana persecuzione,

Papa Pacelli n’ha anniscoste a mucchi de persone



Sia ne le chiese, nei seminari e puro nei conventi;

de Israele, lui n’ha sarvate molte assai de que le genti.-

-A mà, famme capì, perché a voi vanno addimannanno,

quanno ce sò tante anime pie, che questo già lo sanno?-



-Eh!, vengheno qui da noi perché tu, a tutti hai fatto sapè

Che io stavo da la parte loro e nun è cosa che nun è.

Questo da quanno “nun so n’idolatra”, tu hai pubbricato

Perché gnisuno te levava da la testa che stavi ner peccato.



certo tu me l’hai detto che l’intenzioni tua ereno bone!-

-A mà!, ma tu, valle un po’ a capì l’anima de le perzone!.

Me dichi che tutti quei giudii che sò trapassati oramai

Pè aringrazziallo lo cercheno dappertutto come non mai



Mentre quelli de st’urtima generazione stanno a zagajà

Perché a quer poro santo padre lo volemio beatificà.

A mà!, Tu che stai vicino a Colui che tutto puote e vòle,

spieghime si vòi st’arcano; solo cò due o tre parole!-



-L’ommini come già sai, nun zò pè gnente tutti eguali,

ma quer ch’è brutto, pasceno creanno nuovi mali.

E quindi, nun è de quell’omo vivo, la riconoscenza

Che sarvognuno, sotto sotto frega e puro male penza.-



-Papà, mamma, inzomma, definisce l’omo malamente!-

-Sìpperò solo quanno der prossimo nun je ne frega gnente-