Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poeti Emergenti -
Poesia di Gabriele -
Cala amaro

Mi hanno diagnosticato
la disabilità grave come
le sigarette che in un attimo
mandano in fumo la vita.
Ormai, con la vita nel dolore
se lascio la sigaretta, nel corpo
io non fumo! Chissà?
Affatto, non succede in alcun
corpo con la voglia di vivere
non si riesce a fumare il male.
Anzi nel fumo scotta
dalla padella frigge… L'anima!
Scappa via dal mio corpo che
brucia nella brace dei malori.
Un inferno che mi ha colpito
nell'estate della vita mia
dimenticandosi di vivere
la bellezza dell'età autunnale
mi caricano la vecchiaia
tribolando io nel duro inverno.
Signore son pesci in faccia
luridi che mi fai conoscere.
Non per gli altri t'apprezzano
per il pesce seduti a tavola
ooh Signore
tutto questo mi cala amaro.