Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesie di Gabriele D'Annunzio - impronte
Poesia di Gabriele D'Annunzio

L'orma

Sol calando, lungh'essa la marina
giunsì alla pigra  foce del Motrone
e mi scalzai per trapassare a guado.

Da stuol migrante un suono di chiarina
 venia per l'aria, e il mar tenea bordone.
Nitri di fra lo sparto un cavaI brado .

Ristetti. Strana era nel limo un'orma.
Però dall'alpel già scendeva l'ombra.