Poesia di Rosa Staffiere - La veste di Carnevale

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia di Rosa Staffiere
La veste di Carnevale

Come sei bella creatura mia
quando te ne vai per la via
facendo muovere quella veste
larga e larga per la festa
di Carnevale tu ogni tanto
incespichi nel cerchio e di pianto
si riempiono gli occhi.
Poi io ti guardo e dico che sei così bella
con tutti i pizzi e il cappello
da sembrare una reginella
e allora tu ridi come se capissi
e anche se con fatica fai qualche passo
a e quando il cerchio si arrotola
intorno alle gambe tu leggera come foglia
ti sostieni all'ombrellino
e poi con l'occhio malandrino
pare che voglia dire: voi grandi siete matti
mi costringete come vino nella botte.
Hai ragione, tu dovresti correre e giocare
senza pensare al vestito che si può strappare 
o riempirsi di polvere. se cadi, si può sporcare. 
Ma tu già testarda come giumenta selvaggia
ti getti a terra e cominci a scalciare
e dici seria seria: devo
vestirmi da Carnevale
ma a che vale
tutta quest'eleganza. questi pizzi e falpalà
se non posso correre e giocare?

Leggi le Poesie di Rosa Staffiere




TAGS: