Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Tony Basili

Non si ruba all’orso
Quello che si fa certo è molto strano
Che vogliate sfilar quel ch’è suo all’orso,
Lo vuole l’aquila, ma pensa d’usar la mano
Di chi nel forestame di lui ha concorso
E se si insiste a far il suo losco gioco
Il nostro nido, non il suo andrà fuoco.
E l’orso è tra noi che il miel ti lascia
In modo che anche tu possa nutrirti
E dovresti ben capire quale ambascia
Potrebbe capitarti se irretirti
Ti fai in una contesa che non ti cale
E piuttosto finirà per farti male.
Da troppo tempo dall’alto ci governa
Questo pennuto che forse è un avvoltoio,
Che in giro va per la terra e la materna
Sua ala copre pure il nostro pensatoio
E tanti ne escogita di trucchi
Che siamo diventati i suoi mammalucchi.
Chè lei vuol beccar ovunque chè la fame
L’opprime tanto come chi sempre vuole
Mantener il comando d’un gran reame
Ed usa i suoi servetti come spole
Subbugliando ogni terra incolta
Per dare infine lor quel che a noi è tolta.
Ti parlo di libertà che non so che sia
Dacchè par che tutti siamo in catene
E mostrarci possiamo liberi per via
E sì bacchettiamo ognun che non conviene
Che noi solo siamo un libero popolo
Mentre a governar gli altri è un mariolo.
Ed è questo che quest’aquila ci detta
Che dobbiamo andar ovunque a far ordine
Né val guardarsi intorno, ch’è disdetta,
Lavoro più non c’è per il disordine
Che proprio essa ci ha imposto col sistema
D’abbattere i confini, quest’è lo schema.
E sì facendo questa con l’ ala e il becco
Il mondo sta predando in ogni dove
Ci mette a stecca ogni cosa ed a secco
Ci lascia tutti che sia sole o piove
Con lei s’ha da fare i conti alla fin fine
Che questo vuol dir nullar ogni confine.
E poiché siamo in tal modo disastrati
Dobbiamo ringraziarla, o la madonna,
che ci porge aiuto come a sinistrati
e tutta l’Europa intorno senza gonna
che si fa stuprar da chi pur è figliastra
ma con arte e ogni trucco ci disastra.
Ed a lei si deve per riconoscenza
La nostra libertà che ci ha garantita
Venendo a romper l’anima e la resistenza
È stata tal che con noi s’è divertita,
Poiché ti trova sempre chi fa il palo
Per piegarci come vuole, ma è un regalo,
Così ci adatta a far la guerra altrove
Perché i cazzi suoi fa di sicuro,
Per portar la libertà, che a noi manca
E complici ne son quei che se piove
Rifugio hanno nella sua cassapanca
Ma noi che finora abbiamo fatto questo
Non possiamo con l’orso fare il resto.
Chè contro l’orso, no, non ci conviene
Ch’ è ivicino di casa e se s’incazza
La prende con noi e sai che scene
Che rider che si fa lei mentre svolazza
Che riesce sempre a fregar gli intelligenti
Quelli che si pompano, le belle menti!
IL nostro nido va costruito a tutti i costi
E difeso dal becco dell’avvoltoio
Che ha progetti poi non tanto nascosti
Farlo diventar un ammazzatoio
Che lei è pronta a fornir armi letali,
Purchè possa aver un ramo alle sue ali.
Svegliatevi bambocci, ch’è tanto aperta
Questa trappola da far arretrare
Anche un sorcio sciocco tant’è scoperta
Ma voi con l’anello al naso a ragliare
Come lei vuol state certo da inetti
E lei ci becca proprio come  insetti.

11.2.15