Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-antonio-basili/badongo.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktYW50b25pby1iYXNpbGkvYmFkb25nby5odG1s
    it-IT

    Valutazione attuale: 4 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
     

    Poesia di Tony Basili
    Poeti Emergenti

    Mi chiedo perché non come Badongo

    che d’una tribù del Camerum è sultano

    che ha centotredici figli e non è poco

    gli son intorno a dargli una mano

    E cinquanta mogli, qualcuna vecchia,

    lui sul trono, riposa e se ne vanta

    c’è chi ha la conocchia e chi la secchia,

    ma qualcuna è giovane e avvenente

    e alle voglie del capo è compiacente.

    Pur ha vicino chi pensa alla dispensa

    E chi va in cerca di legna per il fuoco

    Ma ognuna d’amor non resta senza

    qualche amico l’aiuta pur del Togo.

    Se ci meravigliamo di tali condizioni

    E’ perché siamo forse dei capponi.

    Ché di figli noi non ne abbiamo tanti,

    Chi uno solo, pochi due e molti niente

    Facciamo palestra o legna per il fuoco,

    Ma il tempo per loro è poco o niente..

    Se rinasco, si, vorrei essere del Togo,

    Ché la solitudine infine è avvilente

    ed aver molti figli è un bel giuoco

    Poter vivere in tribù e basta niente.

    42/19.2.10

    Commenti

    Potrebbero interessarti