Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

Racconti amicizia
Racconto di Carlotta Montan Colombo

Oggi, fra un mese, quando ero piccolo,
Il mio migliore amico

Il mio migliore amico è Carlo. Adesso noi non siamo, più nella stessa classe, perché io sono venuto ad abitare in campagna, e non ci vediamo molto spesso;
però se proprio devo pensare a un amico del cuore penso a lui.
Amici amici lo siamo diventati solo in quarta; prima no, forse perché lui era un tipo tranquillo, mentre io  diventavo sempre amico di quelli più scatenati.
Una volta, alla gita scolastica, ci siamo trovati seduti vicini sul pullman, perché avevamo tutti e due il mal di stomaco, e dovevamo stare davanti.
E tutto è cominciato così
Con Carlo ho litigato. solo una volta.
Mi ricordo che stavamo tornando dalle vacame,
Eravamo quasi arrivati a casa.
A un certo punto io, per fargli uno scherzo, gli ho tirato giù i pantaloni. Ma mica del tutto! ,Solo un pezzettino! Allora lui li ha tirati giù a me. E io li ho ritirati giù,
a lui. Insomma, ci siamo messi a darcene un sacco, incavolati neri, e a dirci un mare di parolacce.
Poi, un giorno, siccome la mamma non la finiva più di spiegarmi che il torto non sta, mai da una parte sola, che non si può rompere un'amicizia per una stupidata simile, che qualcuno deve  pur cedere, ho preso coraggio a due mani, e gli ho telefonato.
Intanto che aspettavo che arrivasse, ho sentito la sua mamma che diceva:
Finalmente! C'è Pilli al te lefono! È finita la guerra!
Rispondi!
Adesso, quando pensiamo a quella volta lì ci sbudelliamo dal ridere.
Carlotta Montan Colombo,
Oggi, fra un mese, quando ero piccolo,

Commenti

Potrebbero interessarti