Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di anonimo
Il contadino

Non ti vergogni di esser contadino?
E il contadino rispose:
che io mi vergogni di esser contadino?
Vergognatevi voi che non lo siete
se a tavola abbonda  pane e  vino
a queste mie mani ringraziar dovete.
È vero che non sono mani gentili
ma mai hanno fatto cose vili,
son cotte dai sole, nere e callose
ma portano il vanto di mani operose
lavorano sempre e mai sono stanche
valgono più di dieci mani bianche.

Commenti

Potrebbero interessarti