Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 Poesia di Vincenzo Padula
All'amabile C. C.

Come al tempo genti! di primavera
susurran mattutine aure amorose,
la placida scuotendo ala leggera
sul fresco olente praticel di rose:
simili le tue voci armonïose
suonano in bocca assai più lusinghiera,
ove par che incantando, aura si posa
di vezzi e grazie vergini una schiera:
e come ergonsi liete in su lo stelo
quelle dell'aure al genïal favore,
il seno aprendo ai dolci rai del cielo,
così si desta ancor l'egro mio core,
e di mestizia dispogliando il velo,
apresi alla speranza ed all'amore.

Potrebbero interessarti