Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Un luogo visitai

Un luogo visitai, non l'ho più
nella mia mente.
Non rammento più dov'è,
so soltanto che la via è
per una montagna impervia
dove crescono aceri e roveri
e un rivo scorre stillante
da una piccola bocca d'una roccia.
Di lontano sentivo un canto religioso.
Sì, doveva essere un santuario!
Non so proprio se è vero o l'ho sognato
o forse è frutto della gentile senilità.
Nessuno potrà sciogliermi il dilemma.
Ma che importa?
Quel luogo non è affatto perso,
ce l'ho nel cuore, mi chiama, mi sollecita.
E allora ogni mattino, mi figuro
un cammino che mi strappa a un presente
inconcludente. In un momento è pronto
il mio appostamento per cogliere
il primo raggio di sole sul fiore di un evento,
che fu nel mio passato, incentivo
a recidere la spina d'un tormento vivo
e, forse, il segno di una grazia insperata
che quale saldo cristallo ancora è luce non crettata.