Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-vincenzo-fiaschitello/poesia-di-vincenzo-fiaschitello-quel-paradiso-che-non-c-e-piu.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktdmluY2Vuem8tZmlhc2NoaXRlbGxvL3BvZXNpYS1kaS12aW5jZW56by1maWFzY2hpdGVsbG8tcXVlbC1wYXJhZGlzby1jaGUtbm9uLWMtZS1waXUuaHRtbA==
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
    Quel paradiso che non c'è più

    Eppure d'oro non era

    quel paradiso che non c'è più,

    sul tavolo c'erano solo forchette

    e un po' di idrolitina o di aranciata

    con polvere colorata.

    Stava nell'aria la nostra vita

    di viventi aperti alla speranza,

    sui fiori di mandorli, sui rami tessuti

    dai ragni invisibili, sui muri bordati

    di felci e licheni.

    Là sono rimaste le nostre immagini

    scolorite, catturate dalle pareti scrostate

    nella luce dei giorni che non si contano più,

    come la tanta umile gente che manca

    al nostro saluto di oggi.

    Commenti

    Potrebbero interessarti