Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ligabue
Poesia di Vincenzo Fiaschitello  

Ligabue dipinge

Lungo il fiume presso i canneti
saltelli, spalanchi la bocca,
ti corrodi il naso sulla corteccia
di una pianta, alzi un grido
alle nuvole che ti vogliono ghermire,
ti guardi allo specchio che, appeso
al petto, porti sempre con te, sbricioli
la paura volteggiando come uccello
tra i rami fronzuti che scendono
fino a terra, seppellisci la rugginosa
violenza che dall'infanzia ha avvelenato
il tuo fragile corpo.
Eppure, tra tanti animali coloratissimi,
c'è posto per la femminilità che ti affascina:
sul tavolo di una osteria baratti un disegno
con il bacio della donna che la tua arte ammira.
Attorno a te tutta la natura recita la tua follia,
si muove come tu vuoi, intriga, vola,
soffre e piange come te. Hai innanzi alla tela
riti quasi mistici: il fuoco le vesti i gesti,
graffi i tuoi sogni con gli acuminati
artigli dei felini per calmare la potenza
indicibile che dentro t'assale, come la ferocia
della tigre nell'attimo del fatale balzo.