Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ricordi
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 

Così povero, così felice

Così povero, così felice
il nostro amore di un tempo,
quando la luna a oriente
tentennava sui tetti la sera;
lenta si alzava nel cielo blu
carico di stelle per non disturbarle,
per vezzeggiarci a lungo.
Tenera luna di quei lontani giorni,
ci guardava ammiccando al nostro
futuro, che è l'oggi invecchiato
e intriso dell'ieri.
Hanno visto vita lieta i nostri occhi,
bufere e temporali, cieli screziati
e fiori recisi.
Amaramente dolce è la giornata
cui ogni mattino siamo aggrappati
tra baruffe ansie e sorrisi,
come solo due vecchi sono capaci,
attenti a non dimenticare di chiudere
il rubinetto del gas e di ingoiare
le pasticche quotidiane.
Inclina la sera e avanza il buio
che ci solleva nella sua bolla d'aria
verso un sogno di infinito smarrimento.
Abbracciami, abbracciami!
No, non abbracciarmi, sui nostri visi
sparuti il vento divisi ci vuole
per l'ultimo volo a quattro ali!