Login

Poesia di Vincenzo Fiaschitello Mi trafigge il passato
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Mi trafigge il passato

Pur se occultato mi trafigge il passato

sempre possente nell'istante presente.

Ci sono tutti i segni: epidemie, guerre,

tsunami, rivolte, odi...

Ma non è ancora l'apocalisse !

La Natura si prende il tempo lungo

delle innumerevoli generazioni.

Ci avverte, questo sì, ci mette in guardia

col suo canto di vampa, ora asciugando

ora bagnando fin troppo, deflagrando

e erodendo: tuttavia attenta a non annientarci.

Le mie pupille, catturate da fragili

colli spogli di ogni silvestrità,

si inchinano a crolli smaniosi

e sprezzanti. Sembra che tutto venga

asservito a una volontà inarrestabile.

Distruzione? Annullamento?

Falsità, errore del nostro occhio, sono 

le cose del mondo che diventano altro,

da se stesse si strappano e accolgono

l'invasione dell'altro, trasformandosi.

Si vive morendo.

Anche la morte è vita e amore. Così

di ogni cosa, così del nostro essere,

che per vivere non può che galleggiare

di continuo nel tempestoso mare dell'agonia.

Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti