Login

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello
Datemi un martello

Datemi un martello per sgusciare

questo vellutato mallo di mandorla;

Malleus, che colpisci i mali di una vita,

martello di cui impietosamente un tempo

si servirono duri inquisitori, imitatori

di Heinrich Kramer, per zittire streghe

e fattucchiere, incantatrici e invocatrici

di demoni da mandare al rogo.

Sono ancora tornate le rondini, le vigne

si piegano sotto il peso dei grappoli,

non c'è foglia che non sia di lucido verde,

non c'è nido senza uccelli.

Tutto è come prima, il fuoco attende

con la cenere bianca di Bruno

e di Giovanna d'Arco.

 Leggi le più belle Poesie di Vincenzo Fiaschitello

Commenti

Potrebbero interessarti