Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia dialettale di Giuseppe Vita 
"Cuntintam'ni!"

Sobbra 'shta Terra no' nci shta nisciunu

ca no' ssi lagna ti li 'uai ca teni;

ci pi 'na cosa, ci pi 'n' atra, ognunu

no' ssi la pigghja ccussì comu veni.

 

Ci viti, nci shta sempri quarchitunu

ca voli vviviri e no' vvoli peni,

senza cu ssi rivolgi a lu Patrunu

ca pó, ti nui, fa' cuddu ca riteni.

 

Surtantu Diu risorvi 'shta cushtioni.

Sicondu tuttu cuddu ca facimu,

a ognunu 'ssegna giushta 'na pursioni.

 

"Cuntintam'ni t' li mali ca tinimu

  e suppurtamu cu rassignazzioni,

  cá shtannu mali ca nu' no' ssapimu!".

 

Traduzione:

"Contentiamoci!"

 

Su questa Terra non c'è nessuno

che non si lagna dei guai che tiene;

chi per una cosa, chi per un'altra, ognuno

non se la prende così come viene.

 

Se vedi, c'è sempre qualcheduno

che vuole vivere e non vuole pene,

senza che si rivolga al Padrone

che può, di noi, far quello che ritiene.

 

Soltanto Dio risolve questa questione.

Secondo tutto quello che facciamo,

a ognuno assegna giusta una porzione.

 

"Contentiamoci dei mali che teniamo

  e sopportiamo con rassegnazione,

  ché ci sono mali che noi non sappiamo!".