Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu giurnu ti li muerti

Non èti feshta, ma è comu 'n omaggiu
ca 'ntra 'shtu giurnu tutti nu' facimu
a cuiddi ca no' cchiù cu nui tinimu
ti quannu s'hannu fattu cuddu viaggiu

senza ritornu e cu tantu disaggiu
pi nnu' ca mu' cchiù ssuli ni sintimu.
Osci li fiuri a tutti nci mittimu,
ccussì ni dannu 'n'ogna ti curaggiu.

Lu doi nuvembri, giurnu ti li muerti,
nu sciamu tutti 'ntra lu Campusantu
pi ddì' recamaterni e lli prichieri.

Po' doppu ni sintimu cchiù liggieri,
percé la morti n'è 'nzignatu tantu
e ti la vita mu' simu cchiù ccerti.

Traduzione:

Il giorno dei morti

Non è festa, ma è come un omaggio
che in questo giorno tutti noi facciamo
a quelli che non più con noi teniamo
da quando hanno fatto quel viaggio

senza ritorno e con tanto disagio
per noi che or più soli ci sentiamo.
Oggi i fiori a tutti mettiamo,
così ci danno un po' di coraggio.

Il due novembre, giorno dei morti,
noi andiamo tutti dentro il Camposanto
per dir requiem aeternam e le preghiere.

Poi dopo ci sentiamo più leggeri,
perché la morte ci ha insegnato tanto
e della vita or siamo più certi.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema rimico: ABBA/ABBA, CDE/EDC.