Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
'Uardamu 'nnanti!

Ci nu' pinzamu a comu pass'nu l'anni
e ca facimu vecchji chianu chianu,
sintimu 'nu scurfuertu cranni cranni
e nushtalgìa t'nu tiempu assai luntanu.

Vulì' turnamu arretu 'ntra li panni
ti quannu ognunu si sinteva sanu;
mu', 'nveci, ca si sèntunu li tanni,
hamà campari in motu tisumanu.

Toppu ca rimanimu amari amari
pi cueshta vita ca èti dulurosa,
nisciunu ti nu' s'hava scunfitari.

Ci è vveru ca critimu a quarche ccosa,
'uardamu 'nnanti e ccuminciamu mu',
cá lu passatu no' nci torna cchiù!


Traduzione:

Guardiamo avanti!


Se noi pensiamo a come passan gli anni
e che diventiam vecchi piano piano,
sentiamo uno sconforto grande grande
e nostalgia d'un tempo assai lontano.

Vogliam tornare di nuovo nei panni
di quando ognuno si sentiva sano;
or, invece, che si sentono i danni,
dobbiam campare in modo disumano.

Anche se rimaniamo amareggiati
per questa vita che è dolorosa,
nessuno di noi deve scoraggiarsi.

Se è vero che crediamo in qualche cosa,
guardiamo avanti e cominciamo ora,
ché il passato non ritorna più!

Sonetto in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema rimico: ABAB/ABAB, CDC/DEE.