Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-giuseppe-vita/poesia-di-giuseppe-vita-la-saluti.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2l1c2VwcGUtdml0YS9wb2VzaWEtZGktZ2l1c2VwcGUtdml0YS1sYS1zYWx1dGkuaHRtbA==
    it-IT

    Valutazione attuale: 5 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
     

    Poesia di Giuseppe Vita
    La saluti

    Lu miètucu m'è ddittu ca ognittanta
    'na caminata servi alla saluti
    pi mme ca hagghiu 'rrivatu a lli settanta,
    puru ci 'uai no' n'hagghiu mai tinuti.

    Ccussì pur' iu mi mettu a caminari,
    armenu pozzu cumpletà' lu quatru
    t'la vita ca, purtroppu, nu' hama ffari.
    Pi la saluti hamà ffa' cushtu e atru!

    E propriu l'atru giurnu hagghiu 'ncuntratu
    'n amicu mia t'li scoli 'lementari
    e 'n facci' n'hamu sùbbutu 'uardatu
    prima cu ni putimu salutari.

    "Ué Cì'!", "Ué Pì'!", li primi to' palori
    ca èscunu suli ti la vocca noshtra;
    mbrazzati comu ni tici lu cori,
    'na cuntintezza 'ntra nu' toi si moshtra.

    "Havi 'na vita ca no' ni vitimu!
    E l'atr'amici nueshtri, Cì', ddo' shtannu?
    Li putimu truvari ci vulimu,
    cá ti nu' loru nienti sarà' sannu!".

    "Ci sapi, Pì', ci sontu tutti vivi?
    Sicuramenti quarchitunu è muertu.
    Ci tu cu lli saluti volì' scivi,
    t'ha' tinì' prontu pi dà 'nu cunfuertu.

    Pi tutti, Pì', la vita no' èti uquali;
    la cosa ca cchiù conta è la saluti,
    percé, ci manca, vennu tanta mali
    e, senza cu t'lu 'spietti, n'hamu sciuti!".


    "È vveru, Cì', cá so' cosi saputi,
    cá l'ali no' nci shtannu cchiù cu vvuli.
    Bashta ca shta 'nu picca ti saluti,
    cá l'atri cosi vennu sulu suli!".

    Traduzione

    La salute

    Il medico m'ha detto che ogni tanto
    una camminata serve alla salute
    per me che son arrivato ai settanta,
    pure se guai non ne ho mai avuti.

    Così pur io mi metto a camminare,
    almeno posso completar il quadro
    della vita che, purtroppo, noi dobbiam fare.
    Per la salute dobbiam far questo ed altro!

    E proprio l'altro giorno ho incontrato
    un amico mio delle scuole elementari
    e in faccia ci siamo subito guardati
    prima di poterci salutare.

    "Ué Ciccio!", "Ué Pino!", le prime due parole
    che escono sole dalla bocca nostra;
    abbracciati come ci dice il cuore,
    una contentezza tra noi due si mostra.

    "È da una vita che non ci vediamo!
    E gli altri amici nostri, Ciccio, dove sono?
    Li possiamo trovare se vogliamo,
    ché di noi loro niente forse sanno!".

    "Chissà, Pino, se sono tutti vivi?
    Sicuramente qualcheduno è morto.
    Se tu per salutarli vorresti andare,
    devi tenerti pronto per dar un conforto.

    Per tutti, Pino, la vita non è uguale;
    la cosa che più conta è la salute,
    perché,se manca, vengono tanti mali
    e, senza che te l'aspetti, ce ne siamo andati!".

    "È vero, Ciccio, ché son cose sapute,
    ché le ali non ci sono più per volare.
    Basta che ci sia un po' di salute,
    ché le altre cose vengono da sole!".

    Poesia in vernacolo sanvitese con relativa traduzione

    Commenti

    Potrebbero interessarti