Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
Lu primu cumpleannu

" Lu primu cumpleannu è già 'rrivatu,
nipoti mea, e nu' ti fishtisciamu!
Ci fign'a mu' ha' chianciutu e ha' critatu,
osci hata riti' e tutti ni prisciamu!

T'la mamma tova latti tu ha' pigghiatu
comu t'la chianta lu pigghia lu ramu
e datu ca già 'n'annu ha' cumpletatu,
augurri a tte' mu' tutti nu' cantamu!

Iu so' lu nonnu tua e vo facennu
'nu sacrificiu pi putì' campari,
ma a tte' auguru cu va' sempri ritennu,

percé la vita è toshta a mashticari!
Durmi, piccenna, fa' 'nu bellu suennu
ca poi, ti cranni, t'lu puè ricurdari!".

Traduzione:

Il primo compleanno

"Il primo compleanno è già arrivato,
nipote mia, e noi ti festeggiamo!
Se fino ad ora hai pianto ed hai gridato,
oggi devi rider e tutti gioiamo!

Dalla mamma tua latte tu hai preso
come dalla pianta lo prende il ramo
e dato che già un anno hai completato,
auguri a te or tutti noi cantiamo!

Io son il nonno tuo e vo facendo
un sacrificio per poter campare,
ma a te auguro che vada sempre ridendo,

perché la vita è dura a masticare!
Dormi, piccina, fai un bel sogno
che poi, da grande, potrai ricordarlo!".

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.
Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.