Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
È mmegghiu lu tialettu

Ci nu' vulì' scrivimu 'na puisìa
oppuru, 'ncora megghiu, 'nu sunettu,
hamà ssapì' qual è la giushta via
pi putì' sprimi' megghiu lu cuncettu.

Ca lu 'taglianu no' è 'na fissarìa
nu' tutti lu sapimu cu rispettu,
però n'l'hamà 'mparari a avimaria
in motu cu putimu avi' cchiù effettu.

Surtantu lu tialettu nu' sapimu
parlari buenu e in motu tant'umanu,
perc'èti t'lu päìsi ddo' vivimu.

È mmegghiu lu tialettu t'lu 'taglianu,
cá prima lu parlamu e poi scrivimu
senza tini' vucabbulari 'n manu.

Traduzione:

È meglio il dialetto

Se noi vogliamo scriver una poesia
oppure, ancora meglio, un sonetto,
dobbiam saper qual è la giusta via
per poter esprimer meglio il concetto.

Che l'italiano non è una fesseria
noi tutti lo sappiamo con rispetto,
però dobbiam impararlo ad avemaria
in modo da poter aver più effetto.

Soltanto il dialetto noi sappiamo
parlare bene e in modo tant'umano,
perchè è del paese dove viviamo.

È meglio il dialetto dell'italiano,
ché prima lo parliamo e poi scriviamo
senza tener vocabolari in mano.

Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABAB/ABAB, CDC/DCD.

Potrebbero interessarti