Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giuseppe Vita
La morti

La morti, quannu 'rriva, pi ognitunu
la vita spiccia e nienti cchiù rimani,
ma no' è ccussì, percé puru 'nu cani,
ci shta cu mmori, va ddo' lu patrunu.

Però, pi ccerti no' nci shta nisciunu
ca li pò ffari ddivintari sani
pi ssempri, cá no' sso' veri crishtiani
e muerunu tannati a unu a unu.

La morti è lu principiu t'n'atra vita
ca dura certamenti in eternu
e nno', com'èti cueshta, 'na partita.

Shta ci va 'n Paratisu e ci allu 'Nfiernu.
Lu Purgatorriu a ci no' l'è capita
ca ddà no' nci shta cchiuni lu guvernu.

Traduzione:

La morte


La morte, quando arriva, per ognuno
la vita finisce e niente più rimane,
ma non è così, perché pure un cane,
se sta per morire, va dal padrone.

Però, per certi non c'è nessuno
che può farli diventare sani
per sempre, ché non son veri cristiani
e muoiono dannati a uno a uno.

La morte è l'inizio d'un'altra vita
che dura certamente in eterno
e non, com'è questa, una partita.

C'è chi va in Paradiso e chi all'Inferno.
Il Purgatorio a chi non ha capito
che là non c'è più il governo.


Sonetto classico in vernacolo sanvitese con relativa traduzione.

Schema: ABBA/ABBA, CDC/DCD.

Commenti

Potrebbero interessarti