Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-gabriele/poesia-di-gabriele-giampiero-iezzi-la-settimana-enigmistica-del-vivere.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZ2FicmllbGUvcG9lc2lhLWRpLWdhYnJpZWxlLWdpYW1waWVyby1pZXp6aS1sYS1zZXR0aW1hbmEtZW5pZ21pc3RpY2EtZGVsLXZpdmVyZS5odG1s
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Poeti Emergenti -
    Poesia di Gabriele (Giampiero Iezzi) -
    La settimana enigmistica del vivere

    Signore basta! Usare la vita degli altri, gioca a carte scoperte!
    La mattina mi sollevo a fatica strascicando con attenzione
    poggio mani e piedi, vivo sono così dall'alba il mio giorno.
    Cammino con la carne in un torpore che vuol passare a
    tremore in un corpo stracarico di stanchezza le mani
    addormentate il sangue addomesticato non circola.
    Dalla prima in prova ormai siamo vicini all'ultima replica
    Parkinson del tuo male progressivo invalidante. Neurologo,
    se sei un po' chirurgo, fermati! Non voglio più accanimenti.
    Il corpo è mio! La DBS o Stimolazione Cerebrale Profonda
    offritela a chi con lo stesso male di passaggio soffre tra
    la vita e la morte rimesso a nuovo sarà un usato garantito.
    Un bionico casereccio che muove caricato a molla,
    sarà contento!!
    Insisti vita, nel fare i tuoi bisogni ogni qualvolta si tira
    una catenella che esce dalla testa in cinque minuti termina
    l'effetto del tuo vivere sarà una settimana enigmistica così
    concepita vivi fregato nel letto di casa o in ospedale.
    Lì, la morte alfin arriva e nel sonno ti prende e porta via.

    Commenti

    Potrebbero interessarti