Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Francesco Guglielmino
Scunfortu

Ah! Quannu vidu ammenzu a 'na chianura
l'ultima cerza d'un tagghiatu voscu,
o d'un casteddu sdurrupati mura,
o tuttu sciusu 'n'alianti chioscu;
si di na festa restunu l'antinni,
fanali rutti e du' banneri laschi,
o 'ntra nidu vacanti ci sù pinni
'ncagghiati ancora ammenzu di li fIaschi;
non sapiti chi pena ca mi pigghiu,
chi sensu ca mi velli di scunfortu,
ognuna di sti cosi l'assumigghiu
a lu passatu non ancora mortu!


Sconforto  - Ah! Quando vedo in mezzo a una pianura l'ultima quercia d'un bosco tagliato
o mura crollate d'un castello o tutto sconquassato un elegante chiosco; se d'una festa
restano le antenne, fanali rotti e due bandiere rade o tra nidi vuoti ci sono penne impigliate
ancora fra i ruscelli; non sapete che pena mi prendo, che senso di sconforto mi viene,
ognuna di queste cose la assomiglio al passato non ancora morto!

Commenti

Potrebbero interessarti