Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Francesco Guglielmino 
Tu che ci perdi?

Tu chi ci perdi si ti vogghiu beni?
Chi n'hai di mali si ti lassi amari?
Iu certu non ti cuntu li mè peni,
certu ca non ti vegnu a siddiari. 
certu ca non ti vegnu a siddiari. 
Iu nenti t'addumannu, anzi non vogghiu 
mancu ca tu m'avvisi a cumpatiri; 
stu ruppu amaru sulu mi lu sciogghiu ,
e sulu vogghiu cianciri e suffriri. 
Non mi cuntari chiacchiri e ragiuni,
non mi livari st'ultimu cunfortu;
lassimi cu la me fissazioni,
e poi fa' cuntu ca iu sugnu mortu.

da Ciuri di carta


Tu che ci perdi? Tu che ci perdi se ti voglio bene? Che te ne viene di male se ti lasci
amare? lo certo non ti narro le mie pene, certamente non ti vengo a importunare. lo niente
ti chiedo, anzi non voglio manco che tu m'abbia a compatire; questo groppo amaro da solo
me lo tolgo e da solo voglio piangere e soffrire. Non venirmi a raccontare chiacchiere e
ragioni, non mi levare quest'ultimo conforto; lasciami con le mie fisime, e poi fai conto che io sia morto.]

Commenti

Potrebbero interessarti