Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/l-elezioni-poesia-di-eugenio-zoppis.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvbC1lbGV6aW9uaS1wb2VzaWEtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMuaHRtbA==
    it-IT
    L'elezioni Poesia di Eugenio Zoppis
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    L'elezioni
    Poesia di Eugenio Zoppis

    Le Elezzioni

    Ne’ la stalla, tutti l’animali
    vollero fa’ un giorno l’elezzioni,
    e pe’ capì chi meritava, raccorsero opinioni.
    Er bove disse: “dovete votà chi sgobba duro:
    io tiro l’aratro e macino grano quanno ch’è maturo.”
    Poi venne la vacca: “votateme che ve dò li vitelli
    e me mugnete pure, quanno so’ granni quelli.”
    Infine gridò er somaro: “voi, fateve da parte!”
    “Qui comanna solo chi ràja più forte!”
    Er risultato è bello che scontato,
    ruminò quer bove rassegnato.

    Leggi le più belle Poesie di Eugenio Zoppis

    Commenti

    Potrebbero interessarti