Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca
241-270

241
L'alto signor dinanzi a cui non vale
nasconder ne fuggir, ne far difesa,
di bel piacer m'avea la mente accesa
con un ardente et amoroso strale;
et benche 'l primo colpo aspro et mortale
fossi da se, per avanzar sua impresa
una saetta di pietate a presa,
et quinci et quindi il cor punge et assale.
L'una piaga arde, et versa foco et fiamma;
lagrime l'altra che 'l dolor distilla,
per li occhi mei, del vostro stato rio:
ne per duo fonti sol una favilla
rallenta de l'incendio che m'infiamma,
anzi per la pieta, cresce 'l desio.


242
" Mira quel colle, o stanco mio cor vago:
ivi lasciammo ier lei, ch'alcun tempo ebbe
qualche cura di noi, et le ne 'ncrebbe,
or vorria trar de li occhi nostri un lago.
Torna tu in la, ch'io d'esser sol m'appago;
tenta se forse anchor tempo sarebbe
da scemar nostro duol, che 'nfin qui crebbe,
o del mio mal participe et presago.
" Or tu ch'ai posto te stesso in oblio
et parli al cor pur come e' fusse or teco,
miser, et pien di pensier' vani et sciocchi!
ch'al dipartir dal tuo sommo desio
tu te n'andasti, e' si rimase seco,
et si nascose dentro a' suoi belli occhi.


243
Fresco, ombroso, fiorito et verde colle,
ov'or pensando et or cantando siede,
et fa qui de' celesti spirti fede,
quella ch'a tutto 'l mondo fama tolle:
il mio cor che per lei lasciar mi volle
(et fe' gran senno, et piu se mai non riede)
va or contando ove da quel bel piede
segnata e l'erba, et da quest'occhi e molle.
Seco si stringe, et dice a ciascun passo:
Deh fusse or qui quel miser pur un poco,
ch'e gia di pianger et di viver lasso!
Ella sel ride, et non e pari il gioco:
tu paradiso, i' senza cor un sasso,
o sacro, aventuroso et dolce loco.


244
Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio,
al qual veggio si larga et piana via,
ch'i' son intrato in simil frenesia,
et con duro penser teco vaneggio;
ne so se guerra o pace a Dio mi cheggio,
che 'l danno e grave, et la vergogna e ria.
Ma perche piu languir? di noi pur fia
quel ch'ordinato e gia nel sommo seggio.
Bench'i' non sia di quel grand'onor degno
che tu mi fai, che te n'inganna Amore,
che spesso occhio ben san fa veder torto,
pur d'alzar l'alma a quel celeste regno
e il mio consiglio, et di spronare il core:
perche 'l camin e lungo, e 'l tempo e corto.


245
Due rose fresche, et colte in paradiso
l'altrier, nascendo il di primo di maggio,
bel dono, et d'un amante antiquo et saggio,
tra duo minori egualmente diviso
con si dolce parlar et con un riso
da far innamorare un huom selvaggio,
di sfavillante et amoroso raggio
et l'un et l'altro fe' cangiare il viso.
" Non vede un simil par d'amanti il sole "
dicea, ridendo et sospirando inseme;
et stringendo ambedue, volgeasi a torno.
Cosi partia le rose et le parole,
onde 'l cor lasso anchor s'allegra et teme:
o felice eloquentia, o lieto giorno!


246
L'aura che 'l verde lauro et l'aureo crine
soavemente sospirando move,
fa con sue viste leggiadrette et nove
l'anime da' lor corpi pellegrine.
Candida rosa nata in dure spine,
quando fia chi sua pari al mondo trove,
gloria di nostra etate? O vivo Giove,
manda, prego, il mio in prima che 'l suo fine:
si ch'io non veggia il gran publico danno,
e 'l mondo remaner senza 'l suo sole,
ne li occhi miei, che luce altra non anno;
ne l'alma, che pensar d'altro non vole,
ne l'orecchie, ch'udir altro non sanno,
senza l'oneste sue dolci parole.

247
Parra forse ad alcun che 'n lodar quella
ch'i' adoro in terra, errante sia 'l mio stile,
faccendo lei sovr'ogni altra gentile,
santa, saggia, leggiadra, honesta et bella.
A me par il contrario; et temo ch'ella
non abbia a schifo il mio dir troppo humile,
degna d'assai piu alto et piu sottile:
et chi nol crede, venga egli a vedella;
si dira ben: Quello ove questi aspira
e cosa da stancare Athene, Arpino,
Mantova et Smirna, et l'una et l'altra lira.
Lingua mortale al suo stato divino
giunger non pote: Amor la spinge et tira,
non per election, ma per destino.

248
Chi vuol veder quantunque po Natura
e 'l Ciel tra noi, venga a mirar costei,
ch'e sola un sol, non pur a li occhi mei,
ma al mondo cieco, che vertu non cura;
et venga tosto, perche Morte fura
prima i migliori, et lascia star i rei:
questa aspettata al regno delli dei
cosa bella mortal passa, et non dura.
Vedra, s'arriva a tempo, ogni vertute,
ogni bellezza, ogni real costume
giunti in un corpo con mirabil' tempre:
allor dira che mie rime son mute,
l'ingegno offeso dal soverchio lume;
ma se piu tarda, avra da pianger sempre.

249
Qual paura o, quando mi torna a mente
quel giorno ch'i' lasciai grave et pensosa
madonna, e 'l mio cor seco! et non e cosa
che si volentier pensi, et si sovente.
I' la riveggio starsi humilemente
tra belle donne, a guisa d'una rosa
tra minor' fior', ne lieta ne dogliosa,
come chi teme, et altro mal non sente.
Deposta avea l'usata leggiadria,
le perle et le ghirlande et i panni allegri,
e 'l riso e 'l canto e 'l parlar dolce humano.
Cosi in dubbio lasciai la vita mia:
or tristi auguri, et sogni et penser' negri
mi danno assalto, et piaccia a Dio che 'nvano.

250
Solea lontana in sonno consolarme
con quella dolce angelica sua vista
madonna; or mi spaventa et mi contrista,
ne di duol ne di tema posso aitarme;
che spesso nel suo volto veder parme
vera pieta con grave dolor mista,
et udir cose onde 'l cor fede acquista
che di gioia et di speme si disarme.
" Non ti soven di quella ultima sera
dice ella " ch'i' lasciai li occhi tuoi molli
et sforzata dal tempo me n'andai?
I' non tel potei dir, allor, ne volli;
or tel dico per cosa experta et vera:
non sperar di vedermi in terra mai ".