Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
211-240

211
Voglia mi sprona, Amor mi guida et scorge,
Piacer mi tira, Usanza mi trasporta,
Speranza mi lusinga et riconforta
et la man destra al cor gia stanco porge;
e 'l misero la prende, et non s'accorge
di nostra cieca et disleale scorta:
regnano i sensi, et la ragion e morta;
de l'un vago desio l'altro risorge.
Vertute, Honor, Bellezza, atto gentile,
dolci parole ai be' rami m'an giunto
ove soavemente il cor s'invesca.
Mille trecento ventisette, a punto
su l'ora prima, il di sesto d'aprile,
nel laberinto intrai, ne veggio ond'esca.


212
Beato in sogno et di languir contento,
d'abbracciar l'ombre et seguir l'aura estiva,
nuoto per mar che non a fondo o riva,
solco onde, e 'n rena fondo, et scrivo in vento;
e 'l sol vagheggio, si ch'elli a gia spento
col suo splendor la mia vertu visiva,
et una cerva errante et fugitiva
caccio con un bue zoppo e 'nfermo et lento.
Cieco et stanco ad ogni altro ch'al mio danno
il qual di et notte palpitando cerco,
sol Amor et madonna, et Morte, chiamo.
Cosi venti anni, grave et lungo affanno,
pur lagrime et sospiri et dolor merco:
in tale stella presi l'esca et l'amo.


213
Grazie ch'a pochi il ciel largo destina:
rara vertu, non gia d'umana gente,
sotto biondi capei canuta mente,
e 'n humil donna alta belta divina;
leggiadria singulare et pellegrina,
e 'l cantar che ne l'anima si sente,
l'andar celeste, e 'l vago spirto ardente,
ch'ogni dur rompe et ogni altezza inchina;
e que' belli occhi che i cor' fanno smalti,
possenti a rischiarar abisso et notti,
et torre l'alme a' corpi, et darle altrui;
col dir pien d'intellecti dolci et alti,
co i sospiri soavemente rotti:
da questi magi transformato fui.


214
Anzi tre di creata era alma in parte
da por sua cura in cose altere et nove,
et dispregiar di quel ch'a molti e 'n pregio.
Quest'anchor dubbia del fatal suo corso,
sola pensando, pargoletta et sciolta,
intro di primavera in un bel bosco.
Era un tenero fior nato in quel bosco
il giorno avanti, et la radice in parte
ch'appressar nol poteva anima sciolta:
che v'eran di lacciuo' forme si nove,
et tal piacer precipitava al corso,
che perder libertate ivi era in pregio.
Caro, dolce, alto et faticoso pregio,
che ratto mi volgesti al verde bosco
usato di sviarne a mezzo 'l corso!
Et o cerco poi 'l mondo a parte a parte,
se versi o petre o suco d'erbe nove
mi rendesser un di la mente sciolta.
Ma, lasso, or veggio che la carne sciolta
fia di quel nodo ond'e 'l suo maggior pregio
prima che medicine, antiche o nove,
saldin le piaghe ch'i' presi in quel bosco,
folto di spine, ond'i' o ben tal parte,
che zoppo n'esco, e 'ntra'vi a si gran corso.
Pien di lacci et di stecchi un duro corso
aggio a fornire, ove leggera et sciolta
pianta avrebbe uopo, et sana d'ogni parte.
Ma Tu, Signor, ch'ai di pietate il pregio,
porgimi la man dextra in questo bosco:
vinca 'l Tuo sol le mie tenebre nove.
Guarda 'l mio stato, a le vaghezze nove
che 'nterrompendo di mia vita il corso
m'an fatto habitador d'ombroso bosco;
rendimi, s'esser po, libera et sciolta
l'errante mia consorte; et fia Tuo 'l pregio,
s'anchor Teco la trovo in miglior parte.
Or ecco in parte le question' mie nove:
s'alcun pregio in me vive, o 'n tutto e corso,
o l'alma sciolta, o ritenuta al bosco.


215
In nobil sangue vita humile et queta
et in alto intellecto un puro core,
frutto senile in sul giovenil fiore
e 'n aspetto pensoso anima lieta
raccolto a 'n questa donna il suo pianeta,
anzi 'l re de le stelle; e 'l vero honore,
le degne lode, e 'l gran pregio, e 'l valore,
ch'e da stanchar ogni divin poeta.
Amor s'e in lei con Honestate aggiunto,
con belta naturale habito adorno,
et un atto che parla con silentio,
et non so che nelli occhi, che 'n un punto
po far chiara la notte, oscuro il giorno,
e l' mel amaro, et addolcir l'assentio.


216
Tutto 'l di piango; et poi la notte, quando
prendon riposo i miseri mortali,
trovomi in pianto, et raddoppiansi i mali:
cosi spendo 'l mio tempo lagrimando.
In tristo humor vo li occhi comsumando,
e 'l cor in doglia; et son fra li animali
l'ultimo, si che li amorosi strali
mi tengon ad ogni or di pace in bando.
Lasso, che pur da l'un a l'altro sole,
et da l'una ombra a l'altra, o gia 'l piu corso
di questa morte, che si chiama vita.
Piu l'altrui fallo che 'l mi' mal mi dole:
che Pieta viva, e 'l mio fido soccorso,
vedem' arder nel foco, et non m'aita.


217
Gia desiai con si giusta querela
e 'n si fervide rime farmi udire,
ch'un foco di pieta fessi sentire
al duro cor ch'a mezza state gela;
et l'empia nube, che 'l rafredda et vela,
rompesse a l'aura del mi' ardente dire;
o fessi quell'altrui in odio venire,
che ' belli, onde mi strugge, occhi mi cela.
Or non odio per lei, per me pietate
cerco: che quel non vo', questo non posso
(tal fu mia stella, et tal mia cruda sorte);
ma canto la divina sua beltate,
che, quand'i' sia di questa carne scosso,
sappia 'l mondo che dolce e la mia morte.


218
Tra quantunque leggiadre donne et belle
giunga costei ch'al mondo non a pare,
col suo bel viso suol dell'altre fare
quel che fa 'l di de le minori stelle.
Amor par ch'a l'orecchie mi favelle,
dicendo: Quanto questa in terra appare,
fia 'l viver bello; et poi 'l vedrem turbare,
perir vertuti, e 'l mio regno con elle.
Come Natura al ciel la luna e 'l sole,
a l'aere i venti, a la terra herbe et fronde,
a l'uomo et l'intellecto et le parole,
et al mar ritollesse i pesci et l'onde:
tanto et piu fien le cose oscure et sole,
se Morte li occhi suoi chiude et asconde.


219
Il cantar novo e 'l pianger delli augelli
in sul di fanno retenir le valli,
e 'l mormorar de' liquidi cristalli
giu per lucidi, freschi rivi et snelli.
Quella ch'a neve il volto, oro i capelli,
nel cui amor non fur mai inganni ne falli,
destami al suon delli amorosi balli,
pettinando al suo vecchio i bianchi velli.
Cosi mi sveglio a salutar l'aurora,
e 'l sol ch'e seco, et piu l'altro ond'io fui
ne' primi anni abagliato, et son anchora.
I' gli o veduti alcun giorno ambedui
levarsi inseme, e 'n un punto e 'n un' hora
quel far le stelle, et questi sparir lui.


220
Onde tolse Amor l'oro, et di qual vena,
per far due trecce bionde? e 'n quali spine
colse le rose, e 'n qual piaggia le brine
tenere et fresche, et die' lor polso et lena?
onde le perle, in ch'ei frange et affrena
dolci parole, honeste et pellegrine?
onde tante bellezze, et si divine,
di quella fronte, piu che 'l ciel serena?
Da quali angeli mosse, et di qual spera,
quel celeste cantar che mi disface
si che m'avanza omai da disfar poco?
Di qual sol nacque l'alma luce altera
di que' belli occhi ond'io o guerra et pace,
che mi cuocono il cor in ghiaccio e 'n fuoco?