Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoniere di Francesco Petrarca 
271-300

271
L'ardente nodo ov'io fui d'ora in hora,
contando, anni ventuno interi preso,
Morte disciolse, ne gia mai tal peso
provai, ne credo ch'uom di dolor mora.
Non volendomi Amor perdere anchora,
ebbe un altro lacciuol fra l'erba teso,
et di nova esca un altro foco acceso,
tal ch'a gran pena indi scampato fora.
Et se non fosse esperientia molta
de' primi affanni, i' sarei preso et arso,
tanto piu quanto son men verde legno.
Morte m'a liberato un'altra volta,
et rotto 'l nodo, e 'l foco a spento et sparso:
contra la qual non val forza ne 'ngegno.

272
La vita fugge, et non s'arresta una hora,
et la morte vien dietro a gran giornate,
et le cose presenti et le passate
mi danno guerra, et le future anchora;
e 'l rimembrare et l'aspettar m'accora,
or quinci or quindi, si che 'n veritate,
se non ch'i' o di me stesso pietate,
i' sarei gia di questi penser' fora.
Tornami avanti, s'alcun dolce mai
ebbe 'l cor tristo; et poi da l'altra parte
veggio al mio navigar turbati i venti;
veggio fortuna in porto, et stanco omai
il mio nocchier, et rotte arbore et sarte,
e i lumi bei che mirar soglio, spenti.

273
Che fai? Che pensi? che pur dietro guardi
nel tempo, che tornar non pote omai?
Anima sconsolata, che pur vai
giungnendo legne al foco ove tu ardi?
Le soavi parole e i dolci sguardi
ch'ad un ad un descritti et depinti ai,
son levati de terra; et e, ben sai,
qui ricercarli intempestivo et tardi.
Deh non rinovellar quel che n'ancide
non seguir piu penser vago, fallace,
ma saldo et certo, ch'a buon fin ne guide.
Cerchiamo 'l ciel, se qui nulla ne piace:
che mal per noi quella belta si vide,
se viva et morta ne devea tor pace.

274
Datemi pace, o duri miei pensieri:
non basta ben ch'Amor, Fortuna et Morte
mi fanno guerra intorno e 'n su le porte,
senza trovarmi dentro altri guerreri?
Et tu, mio cor, anchor se' pur qual eri,
disleal a me sol, che fere scorte
vai ricettando, et se' fatto consorte
de' miei nemici si pronti et leggieri?
In te i secreti suoi messaggi Amore,
in te spiega Fortuna ogni sua pompa,
et Morte la memoria di quel colpo
che l'avanzo di me conven che rompa;
in te i vaghi pensier' s'arman d'errore:
perche d'ogni mio mal te solo incolpo.

275
Occhi miei, oscurato e 'l nostro sole;
anzi e salito al cielo, et ivi splende:
ivi il vedremo anchora, ivi n'attende,
et di nostro tardar forse li dole.
Orecchie mie, l'angeliche parole
sonano in parte ove e chi meglio intende.
Pie' miei, vostra ragion la non si stende
ov'e colei ch'esercitar vi sole.
Dunque perche mi date questa guerra?
Gia di perdere a voi cagion non fui
vederla, udirla et ritrovarla in terra:
Morte biasmate; anzi laudate Lui
che lega et scioglie, e 'n un punto apre et serra.
e dopo 'l pianto sa far lieto altrui.

276
Poi che la vista angelica, serena,
per subita partenza in gran dolore
lasciato a l'alma e 'n tenebroso horrore,
cerco parlando d'allentar mia pena.
Giusto duol certo a lamentar mi mena:
sassel chi n'e cagione, et sallo Amore,
ch'altro rimedio non avea 'l mio core
contra i fastidi onde la vita e piena.
Questo un, Morte, m'a tolto la tua mano;
et tu che copri et guardi et ai or teco,
felice terra, quel bel viso humano,
me dove lasci, sconsolato et cieco,
poscia che 'l dolce et amoroso et piano
lume degli occhi miei non e più meco?

277
S'Amor novo consiglio non n'apporta,
per forza converra che 'l viver cange:
tanta paura et duol l'alma trista ange,
che 'l desir vive, et la speranza e morta;
onde si sbigottisce et si sconforta
mia vita in tutto, et notte et giorno piange,
stanca senza governo in mar che frange,
e 'n dubbia via senza fidata scorta.
Imaginata guida la conduce,
che la vera e sotterra, anzi e nel cielo,
onde piu che mai chiara al cor traluce:
agli occhi no, ch'un doloroso velo
contende lor la disiata luce,
et me fa si per tempo cangiar pelo.

278
Ne l'eta sua piu bella et più fiorita,
quando aver suol Amor in noi piu forza,
lasciando in terra la terrena scorza,
e l'aura mia vital da me partita,
et viva et bella et nuda al ciel salita:
indi mi signoreggia, indi mi sforza.
Deh perche me del mio mortal non scorza
l'ultimo di, ch'e primo a l'altra vita?
Che, come i miei pensier' dietro a lei vanno,
cosi leve, expedita et lieta l'alma
la segua, et io sia fuor di tanto affanno.
Cio che s'indugia e proprio per mio damno,
per far me stesso a me piu grave salma.
O che bel morir era, oggi e terzo anno!

279
Se lamentar augelli, o verdi fronde
mover soavemente a l'aura estiva,
o roco mormorar di lucide onde
s'ode d'una fiorita et fresca riva,
la 'v'io seggia d'amor pensoso et scriva,
lei che 'l ciel ne mostro, terra n'asconde,
veggio, et odo, et intendo ch'anchor viva
di si lontano a' sospir' miei risponde.
" Deh, perche inanzi 'l tempo ti consume?
" mi dice con pietate " a che pur versi
degli occhi tristi un doloroso fiume?
Di me non pianger tu, che' miei di fersi
morendo eterni, et ne l'interno lume,
quando mostrai de chiuder, gli occhi apersi ".

280
Mai non fui in parte ove si chiar vedessi
quel che veder vorrei poi ch'io nol vidi,
ne dove in tanta liberta mi stessi,
ne 'mpiessi il ciel de si amorosi stridi;
ne gia mai vidi valle aver si spessi
luoghi da sospirar riposti et fidi;
ne credo gia ch'Amor in Cipro avessi,
o in altra riva, si soavi nidi.
L'acque parlan d'amore, et l'ora e i rami
et gli augelletti et i pesci e i fiori et l'erba,
tutti inseme pregando ch'i' sempre ami.
Ma tu, ben nata, che dal ciel mi chiami,
per la memoria di tua morte acerba
preghi ch'i' sprezzi 'l mondo e i suoi dolci hami.

Potrebbero interessarti