Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canto di lavoro
Canti a méte dell'Alto Lazio

E quanno vojo mète, e mète vojo,
padrò, non me passà cipolla e l'ajo,
padrò, non me passà cipolla e l'ajo
sinnò la metitura te l'imbrojo.

E quanto vojo mète e meterìa
si ce l'avessi la farcetta nova
e sotto all'ombra co' la bella mia.

Fiore de lino,
e quanto è bello er campo a mète 'r grano,
è quello che produce il contadino.

E la vorpe giù ner fosso perde er pelo,
padrò, passa er barlozzo, vengo meno.

Al contadino che mete lo grano
la farce je diventa un filo d'oro.

E viene mezzodì pe' li signori
ma pe' li contadì nun verrà mai.

È notte, è notte e lo padrò sospira,
dice ch'è stata curta la giornata.

Zitto, padrone mio, non sospirare,
prendi la borsa e prencepia a pagare.

Commenti

Potrebbero interessarti