Login

Pin It

Racconto di Pasqua 
La legge scritta nei cuori

Come la Pasqua di Mosè, così anche quella di Cristo promulgò la sua legge. Il Decalogo fu la legge dell'alleanza mosaica. Quale legge venne promulgata mentre si sanciva nel sangue divino l'alleanza eterna?
La legge che promulgò Mosè fu una legge esterna scritta sulla pietra, la legge di Gesù è interna, scritta nei cuori.
Allora la legge indicava la retta via, ma non somministrava la forza per compiére il cammino; ora lo Spirito Santo, che è lo stesso autore della legge, viene nell'anima di coloro che insìeme a Gesù hanno compiuto il passaggio dalla morte alla vita e crea in loro un cuore nuovo dove infonde la forza che incalza: la carità.
Geremia, profetando l'alleanza eterna del Messia, faceva dire da Iahvè:
«Ecco, verranno giorni nei quali con la casa di Israele e con la casa di Giuda io concluderò una alleanza nuova. Non come l'alleanza che ho concluso
con i loro padri, quando li presi per mano per .tarli uscire dal paese d'Egitto, una alleanza che essi hanno violato, benché io fossi loro Signore. Parola del
Signore. Questa sarà l'alleanza che io concluderò con la casa di Israele dopo quei giorni, dice il Signore: porrò la mia legge nel loro animo, la scriverò
sul loro cuore. Allora io sarò il loro Dio ed essi il mio popolo » .
Una ventina d'anni più tardi il profeta Ezechiele spiegherà molto bene questa legge interiore che sarà promulgata dalla nuova alleanza. «Porrò il mio Spirito dentro di voi e vi farò vivere secondo i miei statuti e vi farò osservare e mettere in pratica le mie leggi ».
La sintesi della legge antica suonava così: «ama il prossimo tuo come te stesso ». Gesù non è venuto ad abolire questa legge, ma a perfezionarla.
Come è possibile perfezionare una legge così perfetta? Si può forse amare il prossimo più di se stessi? La legge nuovissima promulgata dal Redentore
più con la vita che con le parole, suona così: «Come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri».
Il cristiano deve amare il fratello (ed ogni uomo è suo fratello) come l'ama Gesù, ossia deve essere disposto a dare la vita per lui. 
Nessuno può pretendere che io dia la vita per lui, neppure mia madre.
Ma Gesù può pretenderlo perché Egli l 'ha data per noi.
La natura non è capace di tanto: è vero. Perciò il Risorto manda nelle anime nostre lo Spirito Santo: Questi è l'Amore infinito e crea nei nostri cuori la carità di Gesù, quella che Gesù ha per noi; crea l'energia delle energie che ci spinge dal di dentro sulle strade della generosità incondizionata.
Il dramma d'Amore dai quattro atti, l'alleanza sancita nel sangue del Risorto, la creazione di cuori nuovi operata dallo Spirito Santo, la promulgazione della legge d'amore, tutta questa insondabile ricchezza di valori divini, si chiama Pasqua-evento di cui l'Esodo fu solo profezia, annunzio e saggio.
Il Signore il quale istituì una Pasqua-rito che ogni anno doveva ripresentare la Pasqua mosaica, non poteva non impegnarsi ancora di più per creare una Pasqua-rito la quale riattualizzasse la Pasqua di Gesù.

Leggi i Racconti di Pasqua

Pin It

Commenti