06232017Ven
Last updateGio, 22 Giu 2017 4pm

Racconti di Pasqua

Racconto di Alfredo Oriani - Pasqua


Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

albero di uova di pasqua
Racconto di Alfredo Oriani
Pasqua

Ho aperto la finestra.
Un chiarore trema in alto ai primi raggi del sole nascosto dietro Monte Mauro, mentre un vento freddo passa silenzioso fra gli alberi ancora seminudi.
Pel vano della finestra senza tende guardo a questa al pallida e lieve, che sembra ridare al mondo l'effimera infazia della propria ora: non una nube nell'aria, non un moto sulla terra.
- Quivit, quivit!
È un grido di rondine, come lo traduceva Andersen  in quelle favole da bambini, così delicate e profonde di passione anche per gli uomini. Le ultime viole scomparvero già sotto l'erba alta dei prati, dacché una brina avvizzì tutti i fiori dei peschi, che ne rimasero freddolosi e rabbrividiscono ancora in questa pura aria mattinale. Fiori e illusioni cadendo lasciano sempre lo stesso freddo ai rami ed ai cuori, ma quelli si vestono prontamente di foglie, questi non si coprono più che di muffe. 
Eccola." È risalita sotto la grondaia ad esaminare il vecchio nido e garrisce di gioia nel riconoscerlo intatto

Pasqua è giorno di letizia perché commemora la risurrezione Gesù. Ad accrescere negli animi la gioia concorre anche il fatto che essa cade in primavera. Ed è bello che questa celebrazione della vita sulla morte in cui fede si esalta cada nella più bella delle 
stagioni quando tutta la natura si rinnova e sulla morte apparente di ieri afferma, come atto di amore, timida dapprima, poi intensa ed esuberante, vita di tutti gli esseri.

Leggi i Racconti di Pasqua


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info