Login

Poesia di Vincenzo Fiaschitello - Le rughe degli ulivi
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Vincenzo Fiaschitello 
Le rughe degli ulivi

Quando il padre di tua madre

contadino di greca razza

lasciò la vita,

tu, fanciullo, cui noti erano 

antichi giorni di povertà e di dolore,

nel suo campo degli ulvi

contavi le rughe di quei tronchi.

Ora che torni, tutto è come allora?

La terra è la stessa, arsa fra rocce e pietre;

più fitte le rughe degli alberi;

le speranze future e i tuoi pensieri,

foglie, al suolo sparse per soffiar 

di vento d'autunno.

Commenti

Potrebbero interessarti