Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

gelsomino
Poesia di Vincenzo Fiaschitello 

La "sponsa" di gelsomino

Sulle strade, attorno al carcere,
crescemmo senza nemmeno accorgercene
al gioco del traguardo segnato sull'asfalto
col gesso bianco e giallo.
Dall'alto delle celle, dietro le sbarre,
i reclusi ci guardavano, assistendo
spesso alle nostre audaci risse.
Ci annientava d'estate l'odore intenso
del gelsomino e già i più grandi tra noi
pensavano di preparare, per il passeggio
della sera, la "sponsa" da offrire alle ragazze.
Era preziosa la "sponsa" perché ciascuno
legava, con un sottile filo attorno a una fetta
di canna a far da gambo, un pensiero
a un fiore e un fiore a un pensiero, così che
quel che si aveva infine era una sorta
di bouquet di bianche perle profumate.
L'offerta chiudeva l'essenziale di una lunga
e calda giornata di sole e si aspettava
la brezza notturna che dai colli scendeva
verso il mare non lontano, invaso
dalla lampare dei pescatori.
Quale dolce beatitudine regalava quella
bianca icona che inondava i cuori
di sogni e speranze!

Potrebbero interessarti