Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

alba
Poesia di Vincenzo Cardarelli 

Partenza mattutina

Al mio paese non posso dormire.
Sempre mi leverò coi primi albori
e fuggirò insalutato.
Quanti mattini della mia infanzia
 furon simili a questo,
libeccioso e festivo,
con la marina burrascosa. in vista
e la terra bagnata.
Quante volte percorsi questa strada
 ove oggi mi ritrovo e mi stupisco
d'essere ancora al mondo.
Sconosciuto, inatteso,

ecco mi in via di nuovo
per quella stazioncina solitaria
 in cui vissi bambino, a cui ritorno,
e tutto il mio passato
mi frana addosso.
Inorridisco al suono
della mia voce.

Il poeta ritorna ormai adulto al suo paese e ritrova le ìmmagini di un tempo. Molto diverso è però lo spirito con cui egli 
guarda: i suoi sentimenti non sono più quelli di un bambino ma quelli di un adulto. Il paese al quale è ormai estraneo lo porta a
sentire il peso di tutta una vita ormai trascorsa: dopo una notte insonne, fugge, senza salutare nessuno, e persino il suono del 
propria voce gli sembra strano e pauroso. 

Leggi le Poesie di Vincenzo Cardarelli

Commenti

Potrebbero interessarti