Login

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia Umbra di Natale
di Anonimo
Il Bambino

 Stanotte, a mezzanotte, è nato un bel Bambino
bianco, rosso e ricciulino.
La mamma lo imbocca e lo rinfascia
e je strigne quel piedino.

Sia beato quell'occhino!
Cristo è nato! Cristo è nato!
Venitelo a vedé su 'na misera capannella
dove alberga 'l bove e l'asinella.
Con Giuseppe e con Maria,
o che bella compagnia.

 Il nome Natale ricorda la nascita di Gesù Cristo, il 25 dicembre. Esso veniva messo all'inizio dell'età cristiana a coloro che nascevano in quel giorno. Ci sono però diversi santi che portano questo nome, per cui uno può festeggiare il suo onomastico anche il 21 agosto dedicato a san Natale di Casale Monferrato o il 10 dicembre, festa di san Natale prete a Roma.
In questo giorno cade anche la festa di santa Natalia di Cordoba, protettrice delle donne di nome Natalia o Natalina.
L'origine di questo nome risale al latino natale(m) (=giorno della nascita).
I cristiani usarono la parola Natale(m) per il giorno della nascita di Cristo che si'cominciò a festeggiare dal IV sec. d. C.
Con Natalis i cristiani indicavano anche il giorno della morte di un martire o di un santo, considerato il primo giorno della vita eterna.
Forme straniere femm. sono Natalie (fr. e ted.), Nathalie (ingl.) e Natascia (russo).

Si avvicina Natale la grande festa di tutti. I bambini devono imparare le poesie di Natale, le recite di Natale, le filastrocche di Natale, leggere racconti e leggende di Natale, realizzare lavoretti di Natale e tanto altro, sempre per le feste di Natale.

Natale! triste Natale! I buoni cibi invano
il gas in bella mostra espone! piove, il cielo è nero
e nelle pozze d'acqua tremolano i fanali
che torce il vento, un vento di disperazione.

Nella melma e la pioggia si palpano le arance,
ristoranti e caffè nel baccano s'affollano,
chi è che pensa l'eterno, la storia, il nostro fango?
Stanotte ognuno vuole essere allegro e satollo!

Mangiare, ridere, cantare, - e tutto è mistero!
Donde veniamo in questo vecchio mondo, e a che frutto?
siamo soli davvero? perché il Male, la Terra?
perché la stupida eternità? e tutto?

Ma no! ma no, per la mischia umana a che vale?
L'illusione ci tiene! - e ci conduce al suo porto.
Parigi moritura dà tregua al suo sconforto
e verso i cieli eterni strombazza un altro Natale.

Commenti

Potrebbero interessarti