Valutazione attuale: 2 / 5

Stella attivaStella attivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Maria Dilucia 
Il giorno in cui ho deciso di passeggiare nel nulla

Il giorno in cui ho deciso di passeggiare nel nulla
Ho respirato a fondo
Poi ho tolto le scarpe
E mi sono avviata a piedi nudi
Per non rovinare i sogni miei.
Poi ho chiuso gli occhi
Sempre per meglio sognare
Ma ho presto capito
Che nel cammino non sarebbe
Stato assente il dolore.
I miei piedi presto
Iniziarono a perdere sangue
E ho così scoperto
Che le strade nel nulla
Non mancano di spine.
Ho comunque continuato,
Ma avevo sete
E nessuno mi ha dato da bere,
Avevo fame
E nessuno mi ha dato da mangiare.
Ho dovuto chiedere e anche implorare
Ma chi mi guardava girava il capo.
E’ questo dunque
Passeggiare nel nulla?
Tu sei posto in vetrina
E gli altri guardano
A volte si divertono
A volte sbuffano seccati.
Ma se hai sete, se hai fame,
Scuotono il capo,
Si inventano storie inverosimili e fuggono.
Forse perché loro più di te
Hanno capito che tu cerchi madama verità,
Ma madama verità,
Tutti lo sanno,
È pericolosa,
Ed è sempre meglio farla cercare ad altri
Che poi una volta morti,
Magari, forse, a volte,
Acclameremo eroi,
Ma da cui in vita è meglio star lontani!
Il giorno in cui ho deciso di passeggiare nel nulla
Ero felice!
Oggi dopo molto cammino,
Da molto tempo
La felicità non è più mia compagna.