Login

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Reportonline Poesie
Poesia di Giuseppe Vita

Sunettu alla Bbifàna

Passati so' Natali e Caputannu

e shta cu 'rriva già la Bbifanìa

ca, comu tutti li vagnuni sannu,

è la cchiù mmegghiu feshta ca nci sia.

 

Pur' iu mi vogghiu ssèntu comu quannu

era piccinnu cu tanta 'llicrìa

e 'ppennu, comu si faceva tannu,

lu cavuzettu a lu caminu mia.

 

"Bbifà', percé no' vieni puru cqua?

  Lu sacciu ca oramà' hagghiu fattu cranni;

  pi 'n'atra vota mi puè ffa' sunnà'!

 

  Doppu ca tegnu cchiù ti settant'anni,

  armenu pi 'nu giurnu fammi shtà'

  'nu picca 'lliecru, e cu senz' affanni!".

 

Traduzione:

Sonetto alla Befana

Passati son Natale e Capodanno

e sta per arrivar già l'Epifania

che, come tutti i ragazzi sanno,

è la migliore festa che ci sia.

 

Pur io voglio sentirmi come quando

ero piccolo con tanta allegria

e appendo, come si faceva allora,

la calza al camino mio.

 

"Befana, perché non vieni pure qua?

  Lo so che ormai son diventato grande(d'età);

  per un'altra volta puoi farmi sognar! 

 

  Anche se ho più di settant'anni,

  almeno per un giorno fammi star

  un poco allegro, e senz' affanni!".

 

Commenti

Potrebbero interessarti