Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Poesia di Giacomo Noventa
Gh'è nei lo grandi'

Gh'è nei to grandi -oci de ebrea
come una luse -che me consuma;
no' ti-ssì bèla - ma nei to oci '.
mi me vergogno - de aver vardà.

Par ogni vizio - mio ti-me doni
tuta la grazia - del to bon cuor,
a le me vogie - tì ti-rispondi,
come le vogie - mie fusse amor.

Sistu 'na serva - no' altro o pur
xé de una santa -'sta devozion?
Mi me credevo - un òmo libero
e sento nascer - in mi el paron.

Vero xé forse - che in tutti i santi
gh'è un rià de l'ànema - del servidor,
ma forse, proprio - par questo, i santi
no' se pardona - nel mondo amor;

no' i canta, insieme - co' done e fioi,
intorno ai foghi, -«El pan! El vin!»,

co' more l'anno - nei me paesi,
r se prega un altro - anno al destin;

secondo. el fumo - che va col vento,
scomizia I vècI - a profetar...
«O scarso, o grando, - ne sia el racolto,
sperar xé tuto - e laòrar».

Cussì mi vivo - zòrno par zòrno,
come un alegro - agricoltor,
vùi destraviarme - vardarme intorno,
méter un voto - fra mi e 'l Signor...

Ma nei to grandi - oci de ebrea
ghe xé una luse - che no' pardona;
tì.ssì una santa - e nei to oci
no' vùi più creder - che gò vardà.

da Versi e poesie

[C'è nei tuoi grandi occhi di ebrea come una luce che mi consuma; non sei bella, ma nei
tuoi occhi io mi vergogno d'aver guardato. Per ogni mio vizio mi doni tutta la grazia del tuo
cuore buono, alle mie voglie tu rispondi come se le mie voglie fossero amore. Sei una serva,
nient'altro, oppure questa devozione è di una santa? lo mi credevo un uomo libero, e sento
nascere in me il padrone. Vero è forse che in tutti i santi c'è un po' dell'anima del
servitore, ma forse, proprio per questo, i santi non si perdonano amore nel mondo; non
cantano, insieme con donne e ragazzi, intorno ai fuochi, «Il pane! Il vino!»; quando muore
fanno nei miei paesi, si impetra al destino un altro anno; secondo il fumo che va col vento,
incominciano i vecchi a far profezie... «O scarso, o grande che ci sia il raccolto, sperare è
tutto, e lavorare.» Così io vivo giorno per giorno, come un allegro agricoltore, voglio
distrarrni, guardarmi attorno, mettere un voto fra me e il Signore... Ma nei tuoi grandi
occhi di ebrea c'è una luce che non perdona; sei una santa, e nei tuoi occhi non voglio più
credere di aver guardato.]

Poesie di Giacomo Noventa, poesie di noventa, poesia di giacomo noventa, poesie dialettali di giacomo noventa.