Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/prima-porta-pasquinata
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvcHJpbWEtcG9ydGEtcGFzcXVpbmF0YQ==
    it-IT
    Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
     

    Prima Porta (Pasquinata)
    di Eugenio Zoppis

    Avemo visto dar teleggiornale
    che a Prima Porta ce stanno tante bare
    parcheggiate su cataste murti-piano,
    che a pensa’ ai morti nun ce sta più nisuno.
    Meno male, essi nun c’hanno fretta …
    Però a sti’ parenti de quella vecchietta
    che fu ‘na santa madre, nun je pare giusto.
    In fonno, tutti noi ch’avemo gusto
    de mette ‘n fiore su la seportura
    de’ nostri morti, de dicce ‘na preghiera.
    Dio benedetto, nun è che pe’ na vorta,
    pe risorvece er problema a Prima Porta
    fin’a quanno s’organizzamo pe’ fa’ spazzio
    - se spera prima der Giorno del Giudizzio -
    ce metti mano e, mejo der becchino,
    ce li faresti resuscita’ dar magazzino?

    Leggi le più belle Poesie di Eugenio Zoppis

    Commenti

    Potrebbero interessarti