Poesia di Eugenio Zoppis L'avidità
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
L'avidità

Sai mò che c’è? Adesso c’ho la panza…

Dopo anni de fame immezzo all’indiggenza,

ho fatto quarche lira e poi me dò da fare;

grazziaddio magno pur’io quanno me pare.

Adesso la cinta la fo tirà ar compare, un Cristo che me serve a un tant’a l’ora,

perché si magno, nun è che basta e avanza,

ma c’ho più fame ora immezzo a l’abbonnanza.

Leggi le più belle Poesie di Eugenio Zoppis

Commenti

Potrebbero interessarti