Login

https://www.poesie.reportonline.it/poesie-di-eugenio-zoppis/poesia-di-eugenio-zoppis-l-avidita.html
Accedi
  • Registrati
  • /lost-user-name.htmlNome utente dimenticato?/password-dimenticata.htmlPassword dimenticata?aHR0cHM6Ly93d3cucG9lc2llLnJlcG9ydG9ubGluZS5pdC9wb2VzaWUtZGktZXVnZW5pby16b3BwaXMvcG9lc2lhLWRpLWV1Z2VuaW8tem9wcGlzLWwtYXZpZGl0YS5odG1s
    it-IT
    Poesia di Eugenio Zoppis L'avidità

    Valutazione attuale: 4 / 5

    Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
     

    Poesia di Eugenio Zoppis
    L'avidità

    Sai mò che c’è? Adesso c’ho la panza…

    Dopo anni de fame immezzo all’indiggenza,

    ho fatto quarche lira e poi me dò da fare;

    grazziaddio magno pur’io quanno me pare.

    Adesso la cinta la fo tirà ar compare, un Cristo che me serve a un tant’a l’ora,

    perché si magno, nun è che basta e avanza,

    ma c’ho più fame ora immezzo a l’abbonnanza.

    Leggi le più belle Poesie di Eugenio Zoppis

    Commenti

    Potrebbero interessarti