Poesia di Eugenio Zoppis L'avidità

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Poesia di Eugenio Zoppis
L'avidità

Sai mò che c’è? Adesso c’ho la panza…

Dopo anni de fame immezzo all’indiggenza,

ho fatto quarche lira e poi me dò da fare;

grazziaddio magno pur’io quanno me pare.

Adesso la cinta la fo tirà ar compare, un Cristo che me serve a un tant’a l’ora,

perché si magno, nun è che basta e avanza,

ma c’ho più fame ora immezzo a l’abbonnanza.

Leggi le più belle Poesie di Eugenio Zoppis

Commenti

Potrebbero interessarti