Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 


Vanagloria -

 
Se ne va la Concetta
Col secchio sulla testa
Col passo saltellante
Tra i ciotoli per via
A vendere il suo latte
Alla fiera del paese.
Con questo comprerò
Sette uova per la chioccia,
Ed a razzolar nel prato,
Le vede già galline.
E quindi comprerò
Un porcellin da latte
E grosso già lo pensa
col suo bel cruschello.
Alfin con questo avrò
Un vitellin pezzato
E contenta ne sarò
E vede la sua mucca
Ch’è’ nel prato quieta
tra fiori è a pascolar.
Ed il musel le tocca,
Ma scivola, meschina,
E il latte va per terra
E vince la cinquina.
Ognun il suo castello
Si fa nella sua testa,
Ma la vanità spesso
dà una fine mesta.
Il fare, è un’altra cosa,
Ed il latte col sognare
Ti cade sul più bello:
Ma pur s’ha da sperar
Se vivi in un bordello.
20.2.01