Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Poesia di Aleardo Aleardi
La campagna romana

Un ciel di foco, un suolo di gramigna, 
un fiato d'aura immonda. 
Di quando in quando alcuni archi travolti 
d'acquedotti senza onda: 
qualche logora tomba
senza sepolti: uniche ombrie su prati

infecondi, pelati;
un filo di torrente
che striscia fra i giuncheti, e non si sente,
ove attorta, sui ponti, la ribalda
vipera al sol si scalda.
Qualche buffala immota
lorda di mota con la testa bassa 
musando guarda il vìator che passa. 
Un branco di selvatici cavalli 
galloppando pei calli 
arsi, solleva a nuvole la sacra 
polve di venti popoli; la polve 
più illustre de la terra. 
Ecco i pascoli pingui e le tiorite 
aiuole di Virgilio, ecco i giardini 
dei superbi Latini!

Sentiva I'Aleardi, oltre al paesaggio malinconico delle paludi pontine «quello della campagna romana, tutta abbandono e memorie d'un passato sepolto». 

Leggi le Poesie di Aleardo Aleardi