Login

Pin It

Poesia di Alberto Nicola Giulini

Al tuo male - chiaroscuro e muto

chiedi un attimo di  tregua, evacuazione,

magari un po' d'altra acquavite: uno spino antico

nel fossato troppo sognar fallito -

un potente falò anche del fallo, presto o tardi

più o meno impotente?

Ormai tutta la nostra sorte una notte perenne 

                                             incubi dettàti dai residui di giuda-spiritelli

                                                  che ti sbeffeggiano - Arranchi con troppe sghembe rotelle 

   ci stanno in testa, ci ottùndono - Non trovi più il bandolo per uscir fuori

                                                            dal labirinto Mortale - vecchio uomo cucciolo scarlatto.

E' misteriosa invece la femmina-matrigna...

 

 

Pin It

Commenti