10172017Mar
Last updateLun, 16 Ott 2017 7pm

Poesie della Befana

Poesia di Giovanni Pascoli - La Befana


Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Befana in volo2
Poesia di Giovanni Pascoli 
La Befana
 

Viene viene la Befana
vien dai monti a notte fonda.
Come è stanca! la circonda
neve, gelo e tramontana.
Viene viene la Befana.

Ha le mani al petto in croce,
e la neve è il suo mantello
ed il gelo il suo pannello
ed il vento la sua voce.
Ha le mani al petto in croce.
E s’accosta piano piano
alla villa, al casolare,
a guardare, ad ascoltare
or più presso or più lontano.
Piano piano, piano piano.
Che c’è dentro questa villa?
uno stropiccio leggiero.
Tutto è cheto, tutto è nero.
Un lumino passa e brilla.
Che c’è dentro questa villa?
Guarda e guarda...tre lettini
con tre bimbi a nanna, buoni.
Guarda e guarda...ai capitoni
c’è tre calze lunghe e fini.
Oh! tre calze e tre lettini.
Il lumino brilla e scende,
e ne scricchiolan le scale;
il lumino brilla e sale,
e ne palpitan le tende.
Chi mai sale? chi mai scende?
Co’ suoi doni mamma è scesa,
sale con il suo sorriso.
Il lumino le arde in viso
come lampada di chiesa.
Co’ suoi doni mamma è scesa.
La Befana alla finestra
sente e vede, e s’allontana.
Passa con la tramontana,
passa per la via maestra,
trema ogni uscio, ogni finestra.
E che c’è nel casolare?
Un sospiro lungo e fioco.
Qualche lucciola di fuoco
brilla ancor nel focolare.
Ma che c’è nel casolare?
Guarda e guarda... tre strapunti
con tre bimbi a nanna, buoni.
Tra la cenere e i carboni
c’è tre zoccoli consunti.
Oh! tre scarpe e tre strapunti...
E la mamma veglia e fila
sospirando e singhiozzando,
e rimira a quando a quando
oh! quei tre zoccoli in fila...
veglia e piange, piange e fila.
La Befana vede e sente;
fugge al monte, ch’è l’aurora.
Quella mamma piange ancora
su quei bimbi senza niente.
La Befana vede e sente.
La Befana sta sul monte.
Ciò che vede è ciò che vide:
c’è chi piange e c’è chi ride;
essa ha nuvoli alla fronte,
mentre sta sul bianco monte.

La buona vecchietta, fatta di niente, lenta, essendo il suo ritmo di tratto in tratto interrotto viva e reale nel sogno dei bimbi ricchi della fantasia
La piacevole filastrocca ti invita ad una lettura della loro età.
Nota con quale delicatezza si susseguono le immagini; ti vien quasi spontaneo trattenere il respiro per non violare l'incanto creato da tre calze fini, da un alitar di tende, da un lumino e dal sorriso della mamma nella famiglia benestante.
La serenità si muta in soffio...a malinconìa nel povero casolare che rabbrividisce e trema al soffio della tramontana. Considera come è bene espressa la nuova atmosfera in contrasto con la precedente: il sorriso della mamma si è mutato ora in un « sospiro» lungo e fioco, mentre il tepore sta per finire ed il fuoco ridotto a « qualche lucciola» sta per spegnersi. Non son qui calze fini, ma « zoccoli consunti» sussurrano una storia triste nella certezza amara di rimanere vuoti - la mamma lo sa, li guarda, e singhiozza... Col finir della notte la buona vecchina torna sui monti, dopo aver visto gioie e dolori come ogni anno. I versi pacatamente tristi, son fluiti dall'animo alla penna del poeta ed egli. chiude con l'espressione della sua mestizia, raffigurata nelle nuvole che rattristano la fronte della Befana.

Leggi le Poesie sulla Befana


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai su info