Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Pulcinella, Maschera di Pulcunella, Costume di Carnevale

Storia delle Maschere di Carnevale
Pulcinella
Maschera di Pulcinella

L'origine della maschera napoletana Pulcinella è remota ed incerta  e anche il significato del suo nome, si sa che fu inventata dall'attore Silvio Fiorillo
Si dice che discende da Pulcinello cioè  un piccolo pulcino  con un naso adunco, chi invece propende per  Puccio d'Aniello un villano di Acerra del 1600 che prendeva in giro una compagnia di commedianti girovaghi ma che  presto cominciò a lavorare come buffone della compagnia.  
La Maschera di Pulcinella ha anche altre versioni: in francese si chiama Polichinelle, è rappresentata da un gradasso con doppia gobba e un vestito  appariscente e una versione inglese con Punch dal carattere  triste e  sgarbato,in Germania  si chiama Kaspar.
Pulcinella ha anche un animo sensibile al fascino femminile infatti è  innamorato di Teresina, che lo aiuta nelle difficili situazioni in cui si caccia, e non poche volte. Pulcinella è stato interpretato da molti attori, Pulcinella è stato rappresentato da Nunzio Zampella, e da Bruno Leone, che ha riportato in teatro Pulcinella con l'intenzione di recuperare il Teatro delle Guarattelle.  Tra gli attori che hanno rappresentato sulla scena la maschera di Pulcinella, il più celebre di tutti è stato Antonio Petito trionfatore del Teatro San Carlino .
L'attore era analfabeta, però scrisse anche delle commedie di grande successo che avevano come protagonista Pulcinella. Il costume di  Pulcinella è un camicione bianco con pantaloni e in vita un cinturone nero con la pancia sporgente, un cappuccio nero in testa e la maschera sugli occhi e si vede sola la bocca, il naso ricurvo ed ha una espressione non bella. Pulcinella ama vivere alla giornata, è un servo sfaticato e furbo, ha una voce tediosa e cammina in modo goffo, quando parla gesticola un pò troppo anzi quasi balla e salta quando riferisce situazioni. Pulcinella sembra  che reciti sempre, Pulcinella rappresenta la semplicità, egli è un impostore simpatico, buono, credulone e inaffidabile. Metaforicamente la Maschera di Pulcinella simboleggia la plebe napoletana, che stanca degli abusi subiti si ribella alla medio-borghesia, a quei potenti che hanno reso dura la vita al popolo napoletano.

Così Pulcinella con la sua ironia si burla dei potenti e fa capire che per lui non ci sono ostacoli.

TAGS:

Commenti

Potrebbero interessarti