Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Favola di Esopo
L'uomo morso dalla formica ed Ermes

Un tale una volta, avendo visto una nave affondare con tutti i naviganti, affermava che gli dèi prendono decisioni ingiuste,
perché a causa di una sola persona che era empia erano morti anche gl'innocenti. Mentre diceva queste parole, essendoci
molte formiche nel luogo in cui per caso si trovava, accadde che fu punto da uno di tali insetti. Egli allora, benché fosse stato morso da una sola formica, le schiacciò tutte. Ed Ermes, apparsogli vicino e toccandolo con il caduceo, gli disse: «Non vorrai tu concedere poi che gli dèi siano giudici tali per gli uomini, quale sei tu per le formiche?».
Non si bestemmia la divinità, quando è sopraggiunta una sciagura, ma si considerano piuttosto i propri errori.

Traduzione di Mario Giammarco

Leggi le Favole di Esopo

Commenti

Potrebbero interessarti