Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

rose
Lettera di San Valentino
Prigioniero in fuga

Aldo posò la penna, si frugò nelle tasche e tirò fuori la mappa della scuola fatta da lui.
Con il pennarello disegnò il contorno di un cuore, spezzato a metà, nel punto esatto dove si trovava la sua classe.
Un altro cuoricino rosso e palpitante, trafitto da una freccia giallo oro, prendeva intero lo spazio occupato dalla classe 5A, piano terra, ala nord.
Con il pennarello rosa scrisse in stampatello SARA. Poi unì i due cuori con una catenella azzurro cielo. Guardò la mappa con una certa soddisfazione.
E se non capisse quanto l'amo? si domandò.
Forse il disegno non sarebbe bastato.
Devo scriverle qualcosa in più -pensò.
Scrisse: Messaggio per Sara. Da Aldo I tuoi capelli sono oro che si perde nel vento. Il mio cuore un'onda di mare quando ti guardo. Ti amerò sempre. Scrivimi, se mi ami anche tu.
L'emozione lo aveva fatto scrivere con una grafia tremolante e un po' storta.
Brutto, pensò. "Lo riscrivo".
Fece per prendere un altro foglio, quando i suoi occhi incrociarono lo sguardo attento di Tommaso.
Che hai lì? - chiese Tommaso.
Niente Il tema rispose Aldo.
Bugiardo, dimmi che cos'è, sennò lo dico alla maestra. Tommaso allungò una mano verso il banco di Aldo e afferrò il foglio a quadretti, su cui campeggiava a grandi lettere rosse: "Messaggio per Sara".
Aldo non fu abbastanza svelto. Il biglietto si divise in due metà sbrindellate. Le sedie si rovesciarono. La maestra si alzò dalla sua sedia e si avvicinò ai due.
Terminate il tema una buona volta. E basta coi litigi, d'accordo?
Con grande sollievo di Aldo, lei accartocciò il biglietto senza leggerlo e lo gettò nel cestino.

Leggi le Poesie San Valentino

Commenti

Potrebbero interessarti