Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Canzoni per la Festa della donna, 8 marzo


L'8 marzo si avvicina, leggi e dedica le più belle canzoni scritte per l' universo femminile, molti gli artisti che dedicano canzoni alle donne omaggiandole nei titoli delle canzoni.
Marzo è il mese dedicato alle donne. Imbarazzante decidere quale sia la canzone da dedicare alle donne per la loro festa, cioè la festa più femminile di tutte le feste dell'anno, la Giornata internazionale della donna, comunemente definita Festa della donna, 8 marzo.
Questa celebrazione si è tenuta per la prima volta negli Stati Uniti nel 1909, in Italia nel 1922.
Abbiamo scelto bellissime e famose canzoni italiane cantate da artisti italiani e canzoni cantate da artisti stranieri. Ascolta e scegli la canzone da dedicare l'8 marzo, donna, fidanzata, ragazza, mamma, moglie.

Una donna per amico - Lucio Battisti
Quello che le donne non dicono - Fiorella Mannoia
Donna - Mia Martini e Enzo Gragnaniello
Bocca di rosa - Fabrizio De André
La faccia delle donne - Vasco Rossi
Le donne lo sanno - Luciano Ligabue
Viva Lei - Mina
Vuoto a perdere - Noemi
La mia ragazza è strana - Articolo 31
Alessandra - Biagio Antonacci
Donne - Zucchero
Sara - Pino Daniele
Le ragazze fanno grandi sogni - Edoardo Bennato
Le ragazze - Luca Carboni
Le donne di Modena - Francesco Baccini
Ragazze che - Laura Pausini
Gianna - Rino Gaetano
Sara - Antonello Venditti
Il talento delle donne - Ivano Fossati
Le ragazze - Neri per caso
Le ragazze serie - Marco Masini
Siamo donne - Jo Squillo e Sabrina Salerno
Proprio come una donna (Just Like a woman) - Bob Dylan
Una donna innamorata ( Woman in love ) - Barbra Streisand
Le Ragazze di Gauguin - Grazia Di Michele
La forza delle donne - Gigi D'Alessio

8 marzo festa della donna
Una donna per amico
Lucio Battisti

Può darsi ch'io non sappia cosa dico,
Scegliendo te - una donna - per amico,
Ma il mio mestiere è vivere la vita
Che sia di tutti i giorni o sconosciuta;
Ti amo, forte, debole compagna
Che qualche volta impara e a volte insegna.
L'eccitazione è il sintomo d'amore
Al quale non sappiamo rinunciare.
Le conseguenze spesso fan soffrire,
A turno ci dobbiamo consolare
E tu amica cara mi consoli
Perché ci ritroviamo sempre soli.
Ti sei innamorata di chi?
Troppo docile, non fa per te.
Lo so divento antipatico
Ma è sempre meglio che ipocrita.
D'accordo, fa come vuoi I miei consigli mai.
Mi arrendo fa come vuoi
Ci ritroviamo come al solito poi
Ma che disastro, io mi maledico
Ho scelto te - una donna - per amico,
Ma il mio mestiere è vivere la vita
Che sia di tutti i giorni o sconosciuta;
Ti odio forte, debole compagna
Che poche volte impara e troppo insegna.
Non c'è una gomma ancor che non si buchi.
Il mastice sei tu, mia vecchia amica.
La pezza sono io, ma che vergogna.
Che importa, tocca a te, avanti, sogna.
Ti amo, forte, debole compagna
Che qualche volta impara e a volte insegna.
Mi sono innamorato? Sì, un po'.
Rincoglionito? Non dico no.
Per te son tutte un po' squallide.
La gelosia non è lecita.
Quello che voglio lo sai, non mi fermerai
Che menagramo che sei,
Eventualmente puoi sempre ridere poi
Ma che disastro, io mi maledico
Ho scelto te - una donna - per amico,
Ma il mio mestiere è vivere la vita
Che sia di tutti i giorni o sconosciuta;
Ti amo forte, debole compagna
Che qualche volta impara e qualche insegna.

Commenti

Potrebbero interessarti